Colpo alle Poste della Pineta a Pescara

Colpo alle Poste della Pineta a Pescara: ladri in fuga a piedi dopo aver minacciato col taglierino impiegati e clienti. 2 mila euro di bottino.

Terzo colpo in 17 giorni nella zona della Pineta di Pescara: dopo la villa di un avvocato e quella di un noto balneatore, stavolta i ladri hanno preso di mira l’ufficio postale del quartiere. A due passi dall’Aurum, in una strada anche abbastanza illuminata e frequentata, i due banditi sono entrati armati di taglierino e dopo aver minacciato una dipendente alle prese con un cliente sono scappati a piedi lungo viale Scarfoglio. Erano da poco passate le 18 quando i due ladri sono entrati nell’ufficio postale: accento meridionale, rapidissimi nei movimenti, armati di taglierino sembrava sapessero perfettamente dove cercare lo sportello con la cassa. Dopo aver terrorizzato la dipendente si sono fatti consegnare i 2 mila euro in cassa dandosi alla fuga in pochi secondi. Immediatamente giunte sul posto le pattuglie della Volante, le ricerche sono andate avanti per ore senza, tuttavia, giungere all’arresto. Anche in questo caso le immagini delle telecamere di videosorveglianza saranno di grande utilità agli inquirenti.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Colpo alle Poste della Pineta a Pescara"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*