Project financing Chieti: Paolucci replica a Febbo

“Come un disco rotto, Mauro Febbo continua a straparlare sul nuovo ospedale di Chieti nell’evidente quanto disperata ricerca di briciole di spazio sulle testate locali”. Così la replica di Silvio Paolucci.

 

Inizia con queste parole la replica dell’assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, alle affermazioni rilasciate stamani in conferenza stampa da Mauro Febbo. “Questa volta è andato a pescare nientemeno che una vicenda accaduta a Nuoro, la quale – a suo avviso – proverebbe che il project financing scelto per dotare il capoluogo teatino di un nuovo nosocomio e’ la soluzione sbagliata. A Febbo – argomenta Paolucci – ricordo che il project financing è uno strumento voluto dal legislatore non per evitare la gara ma per accelerare la tempistica della stessa, per il resto le procedure seguiranno lo stesso iter di qualsiasi altro appalto. Per quanto riguarda i costi del progetto, Febbo continua a ‘mischiare le mele con le pere’ e a dedurre che la costruzione della nuova struttura impedirebbe realizzazioni omologhe a Vasto e Lanciano. Ma non si possono mettere insieme i 251 milioni che costerà la costruzione con i costi della gestione, sono due canali nettamente diversi. A questo punto e’ chiaro che non c’e’ peggior sordo di chi non vuol sentire. Lo scorso primo ottobre – ricorda infine Paolucci – il presidente D’Alfonso ed io abbiamo tenuto una conferenza stampa spiegando ogni dettaglio riguardante il progetto; se Febbo non capisce o fa finta di non capire, non e’ un problema nostro”.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Project financing Chieti: Paolucci replica a Febbo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*