Omicidio Giammarino, rinvio a giudizio per Giancaterino

Omicidio-Penne

Sarà processato dalla Corte d’Assise di Chieti Mirko Giancaterino, 37 enne pregiudicato e tossicodipendente, accusato dell’omicidio di Gabriele Giammarino, ex maresciallo dell’areonautica, trovato morto il 13 settembre scorso nella sua abitazione a Penne.

Il 37enne, accusato dal pm Miravana Di Serio di omicidio volontario con l’aggravante della crudeltà e di incendio doloso, e’ stato rinviato a giudizio dal gup del Tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea. Secondo l’accusa l’imputato avrebbe colpito la vittima con violenti pugni e 26 coltellate riducendolo in fin di vita e poi avrebbe “appiccato il fuoco al materasso posizionato sopra il corpo di Giammarino”. La vittima era ridotta “in uno stato di sopore post traumatico o di vero coma tanto da non essere in grado di mettere in atto alcun tentativo di fuga” e, sempre secondo l’accusa, il 37enne “ne cagionava la morte per arresto cardio respiratorio da insufficienza respiratoria per inalazione di fuliggine ad elevata temperatura”. Contro Giancaterino, che avrebbe agito per derubare la vittima, ci sono i video registrati dalla telecamera di una tabaccheria vicino a casa dell’ex maresciallo, le tracce di sangue rinvenute sulle scarpe da tennis e sui pantaloni della tuta, una testimone che l’avrebbe visto mentre usciva dall’abitazione dell’80enne. Ad occuparsi, sin da subito, delle indagini i carabinieri della Compagnia di Penne, guidati dal capitano Alessandro Albano: Giancaterino fu rintracciato rapidamente ed arrestato poche ore dopo il delitto.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Giammarino, rinvio a giudizio per Giancaterino"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*