Truffa Tercas, indagini chiuse

pescara-gdf-sequestra-500mila-euro

Truffa Tercas, indagini chiuse. La Guardia di Finanza di Teramo ha notificato gli avvisi di chiusura delle indagini agli ex vertici Tercas coinvolti in una presunta truffa da due milioni di euro ai danni di alcuni clienti.

Tra gli indagati figurano anche l’ex presidente Lino Nisii e l’ex direttore generale Antonio Di Matteo. Si tratta di un’indagine diversa da quella per bancarotta, che coinvolge lo stesso istituto di credito e che arriverà in tribunale, a Roma, il prossimo 13 gennaio. La Procura di Teramo contesta all’ex presidente Tercas, all’ex direttore generale e ad altre diciotto persone, tra dirigenti e dipendenti, di aver venduto prodotti finanziari in maniera truffaldina a decine di clienti. In particolare, sarebbero stati descritti come investimenti ad un anno e a rendimento garantito, mentre si trattava di titoli azionari Tercas e quindi ad alto rischio. Gli avvisi di chiusura delle indagini firmati dal pm Irene Scordamaglia sono una ventina.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Truffa Tercas, indagini chiuse"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*