Trivelle in Croazia: giallo diplomatico o melina?

TRIVELLE:PESCARA - Pozzo Ombrina Mare visto da Goletta Verde nel 2010 (fonte: ufficio stampa Legambiente).

Trivelle in Croazia, giallo diplomatico o melina? La questione trivelle, che tanto fa discutere Abruzzo e Italia,  alimenta le polemiche anche sull’altra sponda dell’Adriatico.

Forse si sta consumando un vero e proprio giallo diplomatico, o magari si tratta di semplice melina. Potrebbe anche essere che, come in un gioco delle parti, ognuno si attenga al proprio ruolo aspettando che il tempo galantuomo decida per gli umani spesso fallaci. Ieri l’annuncio dello stop alle perforazioni da parte del delegato dell’ambasciata croata, Llija Zelalic, intervenuto al convegno svoltosi sulla fregata Maestrale, aveva fatto esultare i no triv per la decisione che si riteneva presa dai vertici del Paese. Oggi la secca smentita di Assomineraria sembra rimettere tutto in discussione, o quantomeno fa affacciare l’ipotesi di una gaffe improvvida della diplomazia croata. A meno che, come già detto, non si tratti di un fuoco di paglia acceso tanto per tergiversare. Questo il testo del comunicato di Assomineraria:

“Non c’è nessuna conferma ufficiale dello stop della Croazia ai progetti di ricerca di idrocarburi in Adriatico. Da una verifica presso le autorità competenti della Croazia non si riscontra alcuna conferma ufficiale di quanto affermato dal delegato”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Trivelle in Croazia: giallo diplomatico o melina?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*