Sei indagati per farmaci scaduti

ospedale l'aquilaospedale l'aquila

Sei tra medici e assistenti infermieri del San Salvatore de L’Aquila indagati per l’inchiesta sui farmaci scaduti in corsia. Le indagini, però non sono chiuse.

Cardiologia, maxillo facciale, chirurgia otorinolaringoiatria, senologia: per ora sono questi i 4 reparti dell’ospedale aquilano coinvolti nell’inchiesta sui farmaci scaduti somministrati ai pazienti. Un’ispezione che ha fatto emergere anche altre irregolarità in modo particolare in questi 4 reparti del San Salvatore : bidoni colmi di rifiuti speciali non smaltiti adeguatamente, vie di fuga ostruite con letti e armadietti, una valigia usata come carrello per portare i farmaci da un reparto all’altro. Sei gli avvisi di garanzia che il Nas di Pescara ha destinato ad altrettanti sanitari dell’ospedale aquilano specificatamente per la somministrazione dei farmaci scaduti. Indagini che dalla Procura fanno sapere non esser affatto concluse: il timore è che quanto scoperto sia un diffuso modus operandi in reparti e laboratori. Una informativa è stata consegnata anche al sindaco Cialente per quanto di sua competenza.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Sei indagati per farmaci scaduti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*