In Tribunale a Chieti nausea e mal di testa, arriva l’Arta

Cefaleee, allergie e nausea per il personale in servizio negli uffici del Tribunale di Chieti: chiamata l’Arta, chiesta la bonifica dei fascioli.

Con apposita lettera è stata chiesta la bonifica immediata degli ambienti del Tribunale di Chieti , di recente coinvolti in un incendio, oppure il trasferimento dei dipendenti in altri uffici fuori sede. Dai fascicoli non bonificati dopo l’incendio pare si alzi, ogni volta che i cancellieri li prendono dai magazzini per portarli in udienza, una fastidiosa polvere nera che stando ai racconti degli stessi lavoratori provoca nausea, mal di testa e allergie sulla pelle. In realtà, una ditta è già intervenuta per bonificare gli ambienti del Tribunale ma ad oggi pare che il vero problema sia tutto col materiale cartaceo evidentemente ancora impregnato di residui del fumo. Il 27 ottobre scorso, al termine di un’assemblea di tutto il personale, si è deciso di chiedere l’immediato intervento di tecnici dell’Arta per verificare innanzitutto la natura delle polveri presenti sui fascicoli e poi, altrettanto celermente, disporre la loro eventuale bonifica.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "In Tribunale a Chieti nausea e mal di testa, arriva l’Arta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*