Zingaretti non paga e il Cam chiude i rubinetti nel Lazio

acqua

 La Regione Lazio non paga e il Cam riduce la fornitura del 50% di acqua a 9 comuni forniti dal consorzio marsicano.

Per ora è stata disposta la chiusura parziale della fornitura di acqua per 9 comuni, ma la chiusura diventerà totale se la Regione Lazio non onorerà il debito accumulato nei confronti della società che gestisce il servizio idrico integrato nella Marsica ( Cam): il tempo limite è fissato in 30 giorni. Dopo un braccio di ferro andato avanti per mesi, anche a suon di denunce e sollecitazioni scritte, il Cam ha tradotto in azione concreta la minaccia nei confronti della Regione Lazio ‘ morosa’ per ben 3 milioni e 800mila euro. Non avendo ottenuto risposte esaustive, tantomeno mandati di pagamenti dall’amministrazione Zingaretti, come preannunciato nelle scorse settimane, il Cam ha ridotto del 50% la portata di acqua verso 9 comuni: Borgorose, Collalto Sabino, Collegiove, Fiamignano, Marcetelli, Nespolo, Pescorocchiano, Petrella salto e Camerata Nuovo. Una chiusura parziale della fornitura di acqua che diventerà totale se la Regione Lazio non onorerà il debito accumulato nei confronti del Cam, ‘entro e non oltre 30 giorni a partire da oggi’.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Zingaretti non paga e il Cam chiude i rubinetti nel Lazio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*