Case di riposo Chieti, domani protesta in Consiglio regionale

case-riposo-regione

La Regione ha disatteso la scadenza dell’11 novembre: domani protesta a L’Aquila, in Consiglio regionale, dei dipendenti della Case di riposo Chieti.

Hanno davvero sperato che la Regione mantenesse fede alle promesse fatte a sindacati e lavoratori nel corso del tavolo del 30 ottobre scorso a Pescara, ma a 15 giorni dalla scadenza ultima (fissata all’11 novembre) domani torneranno a farsi sentire i dipendenti delle ‘Case di riposo di Chieti’. Con striscioni e fischietti si sono dati appuntamento a L’Aquila in occasione della seduta di Consiglio regionale dove chiederanno ai capigruppo di esser ricevuti per consegnare nelle loro mani un documento che riepiloga la delicata vicenda sindacale-occupazionale. A darci l’anticipazione della protesta di domani è stato, poco fa al telefono, Smeraldo Ricciuti della Confsal Seal, la sigla più rappresentativa degli Istituti riuniti San Giovanni Battista di Chieti. ‘ Stavolta ci sentiamo davvero presi in giro- ci dice – per questo motivo domani faremo sentire la nostra voce di disperazione e quella dei poveri anziani da noi assistiti nonostante in cassa, da mesi, non vi siano soldi nemmeno per la spesa’.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Case di riposo Chieti, domani protesta in Consiglio regionale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*