A Chieti le case popolari si sorteggiano

A Chieti le case popolari  vengono sorteggiate per poi esser assegnate a nuovi inquilini. In un’urna i nomi dei ‘papabili’ e poi l’estrazione pubblica.

Sono poche, difficilmente si liberano e a contendersele sono davvero in tantissimi: parliamo delle case popolari a Chieti e della novità per la loro assegnazione. Anche in seguito alle note vicende giudiziarie che hanno travolto l’ex assessore Ivo D’Agostino, gli alloggi Ater vengono da ieri assegnati col criterio del sorteggio pubblico. Ieri mattina il primo ‘fortunato’ il cui nome è stato estratto dinnanzi all’assessore Maria Rita Salute e a cinque tra dirigenti e dipendenti dell’ufficio case popolari: i nomi degli aspiranti assegnatari di un alloggio sono stati scritti su bigliettini bianchi e tutti uguali, quindi messi in una sorta di urna ( una semplicissima scatola trasformata per l’occasione) e poi estratti alla presenza di ‘testimoni’ qualificati quali appunto l’assessore e i dipendenti comunali. Il primo fortunato è stato il signor Vecere il quale ha raccontato di aspettare quella casa popolare da anni: da oggi in poi sarà questa l’unica modalità con la quale si assegneranno gli alloggi Ater- hanno fatto sapere da Palazzo di Città.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "A Chieti le case popolari si sorteggiano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*