Pescara, stop al sansificio: ‘puzza’ troppo.

Stop all’attività del sansificio di Pescara dopo lo sforamento dei valori per quanto riguarda l’emissione dei fumi. Insieme alle proteste dei cittadini anche un esposto in Procura.

Stop all’attività del sansificio di Pescara dopo lo sforamento dei valori per quanto riguarda l’emissione dei fumi. A spiegare i passaggi della decisione è il vicesindaco Del Vecchio. ‘È stata svolta attività di vigilanza congiunta, da parte di più enti, Arta, Asl e Comune – spiega Del Vecchio – e già a novembre erano scattati maggiori controllo sul camino, laddove la Asl aveva fatto verifiche sulle sanse. Nel nuovo controllo di metà dicembre, i cui risultati sono arrivati nei giorni scorsi, l’Arta ha rilevato uno sforamento per quanto riguarda l’emissione dei fumi. E’ stata, quindi, inoltrata una comunicazione alla Provincia, ente competente a rilasciare autorizzazioni per impianti di questo tipo, che nei giorni scorsi, con un provvedimento formale, ha sospeso l’attività dell’impianto’. L’impianto ha fatto discutere molto negli ultimi giorni dopo che in più occasioni, viste anche le condizioni meteorologiche particolari, gli odori intensi avevano invaso diverse zone della città. Sulle emissioni del sansificio, dopo le numerose proteste dei cittadini, il Forum abruzzese dei movimenti per l’acqua e l’associazione ‘Pescara Punto Zero’ hanno anche presentato un esposto in Procura.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Pescara, stop al sansificio: ‘puzza’ troppo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*