Pescara, il ‘ giallo’ delle vongole

Nel giro di poco più un mese 4 ordinanze comunali sulla pesca dei molluschi al largo di Pescara: prima vietata, poi autorizzata per Natale, quindi nuovamente vietata e oggi ‘ri-permessa’.

Sta assumendo i connotati di un vero ‘giallo’ il il via vai di ordinanze comunali relative alla pesca dei molluschi al largo di Pescara. Nel giro di poco più un mese con oggi siamo alla quarta ordinanze a firma del sindaco: prima vietata, poi autorizzata per Natale, quindi nuovamente vietata e oggi ‘ri-permessa’. E se il tutto è ‘regolato’ dalla qualità del mare pescarese, qualcuno si domanda come possa migliorare o peggiorare, e quindi permettere o interdire taluni pescati, nel breve volgere di 40 giorni circa. Una ordinanza, quella di oggi, che ‘revoca il divieto di raccolta fino ad oggi vigente’ ribadendo, tuttavia, che ‘gli autorizzati dovranno comunque procedere con la depurazione’. Un permesso che, viene specificato nell’ordinanza comunale, riguarda specificatamente i molluschi bivalvi ossia cozze, vongole, ostriche e cannolicchi.  I bivalvi sono molluschi filtratori il cui corpo è racchiuso da una conchiglia composta da due valve unite da una specie di cerniera che il mollusco apre e chiude velocemente per potersi spostare: definiti ‘ottimi filtratori’, si nutrono di plancton a particelle organiche in sospensione presenti nell’acqua. Come dire, è bene che la qualità di quest’ultima sia davvero sana.

 

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Pescara, il ‘ giallo’ delle vongole"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*