Per i senzatetto di Pescara un piano di aiuti

senzatetto

Sono al caldo negli alberghi convenzionati con il Comune o nelle strutture di accoglienza della Caritas i senza fissa dimora di Pescara: sono una cinquantina e hanno accettato un riparo dal grande freddo.

La rete di intervento è partita molto prima dell’arrivo della perturbazione e già domenica l’amministrazione comunale di Pescara era intervenuta su tutte le situazioni di disagio segnalate in città. Dalle associazioni ad oggi non vi sono ulteriori richieste, resta tuttavia in piedi l’attivazione della palestra di via Italica pronta e disponibile qualora servisse per ospitare altre persone al caldo. Un’emergenza freddo per i senzatetto di Pescara sotto controllo, nelle parole dell’assessore Diodati il senso di un progetto più lungimirante: ‘Ci stiamo già muovendo per ottenere risorse da destinare alla nascita di un centro di accoglienza per senzatetto nei locali delle Ferrovie’. E’ lì che potrebbe nascere un centro gestito dall’associazione ‘On the Road’ della quale il Comune di Pescara è partner in un progetto che prevede non soltanto gli alloggi, ma anche un minimo di assistenza, nonché attività sociali. Un progetto che verrà presentato a breve rispondendo a un bando ad hoc sul sociale di cui il Comune sarà capofila al fine di accedere a fondi che consentiranno di vederlo realizzato e funzionante entro un anno. Non sarà un centro comunale, ma un luogo che vedrà il Comune in convenzione con le associazioni che frequentano, conoscono e hanno tutti gli strumenti per agire positivamente su tale realtà.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Per i senzatetto di Pescara un piano di aiuti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*