L’Aquila, 90 enne “occupa” il cantiere di casa

Stanca di attendere di poter rientrare nella sua casa, distrutta dal sisma del 6 aprile, una 90 enne si è presentata nel cantiere del suo vecchio palazzo insistendo, con gli operai, di voler rientrare in casa.

Gli operai a lavoro non hanno potuto far altro che avvisare i vigili urbani quando si sono resi conto che non c’era verso di far desistere l’anziana. Una volta giunti sul cantiere i vigili, con calma e pazienza, hanno convinto la donna a farsi riaccompagnare nella abitazione che le è stata assegnata dopo il sisma. Commosso il racconto del capocantiere, costretto comunque a farla allontanare dall’area di lavoro per motivi di sicurezza: “Voleva solo rivedere casa sua a quasi sette anni dal sisma”.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, 90 enne “occupa” il cantiere di casa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*