Grande Pescara, Di Carlo riprende a mangiare

Dopo 19 giorni di sciopero della fame il leader dei Radicali in Abruzzo, Alessio Di Carlo, ha deciso di interrompere lo sciopero della fame per chiedere l’applicazione dell’esito referendario per la nascita della Grande Pescara.

 

‘A 19 giorni dall’inizio della mia azione non violenta di dialogo verso le istituzioni regionali affinchè diano attuazione a quanto emerso dal risultato del referendum del maggio 2014, sospendo lo sciopero della fame’. Così Alessio Di Carlo, segretario Radicali Abruzzo: ‘Continuerò egualmente a vigilare sull’operato della Regione Abruzzo, in particolare fino al 30 gennaio (data entro la quale il Governatore D’Alfonso si è impegnato a presentare la propria proposta ) per verificare che quanto emergerà dalla proposta non contenga escamotage per protrarre l’iter di istituzione della ‘nuova Pescara’. In caso contrario – conclude Di Carlo – non esiterò a riprendere l’azione nonviolenta’.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Grande Pescara, Di Carlo riprende a mangiare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*