Discariche abusive: l’Italia ne bonificherà 4 in Abruzzo e schiverà un contenzioso con l’UE

 Il Governo bonificherà 4 discariche abusive in Abruzzo e, oltre a un risparmio di quasi tre milioni all’anno, mette fine per questi siti al contenzioso con l’Unione europea.

In Abruzzo i siti in questione sono Ricoppo a Balsorano (Aq), Colle Freddo a Penne (Pe), Caprareccia a Pizzoli (Aq), Il Fossato a San Valentino in Abruzzo Citeriore (Pe). Un risultato che per il ministro dell’Ambiente Sergio Costa “sta consentendo di sanare una ferita storicizzata”. La decisione – che è stata comunicata al nostro Paese dalla direzione generale Ambiente della commissione Europea – riguarda un dossier, inviato di recente all’Europa, che in tutto contempla otto discariche (ma per una sono necessari “ulteriori approfondimenti”).

Si è ottenuto “un risparmio sulla penalità inflitta all’Italia”, per semestre, pari a: 400.000 euro (200.000 ogni semestre) per una discarica bonificata nella quarta semestralità; a 2,4 milioni (1,2 ogni semestre) per 6 discariche nella quinta semestralità; a 3,6 milioni (1,8 ogni semestre) per 9 discariche nella sesta semestralità; a 4,8 milioni (2,4 ogni semestre) per 13 discariche nella settima semestralità; a 2,4 milioni (1,2 ogni semestre) per 7 discariche nell’ottava semestralità. La sanzione europea “per gli 80 siti affidati al commissario straordinario è stata ricalcolata dai 32.800.000 euro annui ai 19.200.000 con un risparmio annuale a giugno 2019 di 13.600.000 euro”.

Sii il primo a commentare su "Discariche abusive: l’Italia ne bonificherà 4 in Abruzzo e schiverà un contenzioso con l’UE"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*