Al Renzetti di Lanciano due anni di attesa per un intervento

Al Renzetti di Lanciano due anni di attesa per un intervento chirurgico: la denuncia è del Tribunale del malato. Mancano gli anestesisti.

Quello denunciato all’ospedale Renzetti di Lanciano è l’ennesimo caso di struttura dotata dove, però, la carenza del personale medico paralizza attività e liste d’attesa. Investito del ‘disagio’, in occasione dell’inaugurazione della nuova sala ecografica, il direttore generale della ASL Pasquale Flacco il quale ha subito convocato un incontro cercando di rintracciare una soluzione attivabile nell’immediato. Altro disservizio lamentato da molti pazienti è quello causato dal poco utilizzo della risonanza magnetica che verrebbe fatta funzionare appena 6 ore al giorno, anche in questo caso per la carenza del personale specializzato.  Una doppia emergenza che ha assunto i numeri della criticità  durante il periodo estivo: in molti si auguravano rientrasse una volta terminate le ferie estive di medici e tecnici specializzati e, invece, a quanto pare la lista di attesa per la chirurgia continua e il numero delle denunce al Tribunale del malato pure.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Al Renzetti di Lanciano due anni di attesa per un intervento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*