A Pescara il Comune parlerà la Lingua dei Segni

A Pescara il consiglio parlerà la Lingua dei segni: approvato l’ordine del giorno proposto dal M5S  e destinato anche ai servizi offerti dagli sportelli comunali.

E’ stato  approvato durante il consiglio straordinario per la Giornata Mondiale della Disabilità l’ordine del giorno proposto dal M5S che promuove l’utilizzo della Lingua dei Segni Italiana (LIS) in favore delle persone sorde, sordo-cieche e con problemi uditivi in genere, durante le sedute di consiglio comunale a Pescara. ‘L’esigenza – spiegano i consiglieri pentastellati – nasce al fine di assicurare alle persone con disabilità uditiva di poter comunque seguire le sedute pubbliche dei consigli comunali’. Lo scopo è quello di garantire loro, quando necessario, la presenza di un interprete in Lingua dei segni, collegato con l’Ufficio Relazioni con il Pubblico, che sia da supporto anche per il libero accesso a tutti gli uffici ed ai servizi offerti dal Comune. ‘Siamo particolarmente felici di questa proposta e di come il consiglio l’abbia accolta all’unanimità.  Esistono barriere altrettanto gravi ed invalidanti di quelle architettoniche- concludono i 5 stelle – ed è dovere della pubblica amministrazione lavorare per promuovere l’accesso all’informazione e alla comunicazione anche per le persone con problemi uditivi’.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "A Pescara il Comune parlerà la Lingua dei Segni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*