Olive ‘colorate’, 23 tonnellate sequestrate nel chietino

Olive artificialmente ‘colorate’, sigilli a 23 tonnellate. Operazione della Forestale in azienda del Chietino. Le olive da tavola sono risultate scadute, non tracciabili e con etichette non conformi.

23 tonnellate di olive da tavola, tra scadute, non tracciabili e con etichette non conformi, sono state bloccate dal Nucleo Agroalimentare e Forestale (Naf), coordinato dal Comando Regionale di L’Aquila, in un’industria di trasformazione del Chietino.  I campionamenti fatti da Arta al momento del controllo su quanto già confezionato, ha evidenziato una concentrazione doppia di solfato di rame rispetto a quanto previsto dalla normativa in materia di fitofarmaci residui: era stato usato per ‘colorare’ artificialmente e nascondere così le imperfezioni. Denunciato il responsabile dell’azienda per impiego fraudolento di additivi non consentiti, vendita di alimenti non genuini come genuini, detenzione per il commercio, in modo doloso, di sostanze destinate all’alimentazione pericolose per la salute pubblica. Elevata anche la sanzione di 2 mila euro.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Olive ‘colorate’, 23 tonnellate sequestrate nel chietino"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*