Abruzzo, la Regione ribadisce il No al cementificio

cementificio-pescara1

La Regione Abruzzo compie un altro passo per il no definitivo alla ripresa delle attività del cementificio di Pescara.

 

No. Lo stop alla riapertura del cementificio di Pescara era già stato secco e perentorio, ma da oggi è anche ufficiale: la Regione Abruzzo ha notificato alla Sacci e alla Calbit di avere intrapreso l’iter necessario per negare l’autorizzazione alla riapertura dell’impianto. Le due aziende, rispettivamente vecchia e nuova proprietaria del cementificio di Pescara, entro dieci giorni dovranno rispondere per controbattere al diniego. La decisione assunta dalla Regione punta a chiudere definitivamente la possibilità di riapertura dell’impianto, fermo dal 2015 dopo la messa in liquidazione della Sacci. Prima della recente notifica inviata dagli uffici tecnici regionali c’era già stata la sospensione alla richiesta di rinnovo dell’autorizzazione integrata presentata dall’azienda. Contro la ripresa dell’attività non c’è solo la Regione Abruzzo: anche Provincia e Comune di Pescara sono contrari, come la gran parte dei residenti della zona.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo, la Regione ribadisce il No al cementificio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*