Inchiesta ‘Università bandita’: indagati anche professori della ‘d’Annunzio’

Il rettore di Catania, Francesco Basile, e altri nove professori sono stati sospesi dal servizio dal Gip. Sono indagati per associazione per delinquere, corruzione e turbativa d’asta. Complessivamente 40 i professori indagati degli atenei di Bologna, Cagliari, Catania, Catanzaro, Chieti-Pescara, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Padova, Roma, Trieste, Venezia e Verona.

Al centro dell’inchiesta della Digos, denominata ‘Università bandita’, 27 concorsi ritenuti ‘truccati’. L’ordinanza applicativa della misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio emessa dal Gip di Catania, su richiesta della locale Procura distrettuale, è stata eseguita da personale della polizia di Stato. I nove docenti destinatari del provvedimento sono professori con posizioni apicali all’interno dei Dipartimenti dell’università di Catania. La polizia di Stato ha eseguito 41 perquisizioni nei confronti dei 40 professori indagati. L’inchiesta, denominata ‘Università Bandita’, nasce da indagini avviate dalla Digos della Questura di Catania su 27 concorsi che per l’accusa sono stati ‘truccati’. E in particolare riguardano l’assegnazione di 17 posti per professore ordinario, quattro per professore associato e sei per ricercatore.

Una “associazione a delinquere”, “con a capo il rettore dell’università di Catania ed il suo predecessore”, rispettivamente Francesco Basile e Giacomo Pignataro, “finalizzata a commettere un numero indeterminato di reati”. E quanto viene sottolineato da chi indaga in riferimento all’inchiesta. Il gip parla di “estrema pericolosità” e “piena consapevolezza” delle “gravi illiceità” commesse dal gruppo spinto “da finalità diverse dalla buona amministrazione e volto, al contrario, alla tutela degli interessi di pochi privilegiati che condividono le condotte criminali”.

Le indagini avrebbero accertato come “nessuno spazio doveva essere lasciato a selezioni meritocratiche e nessun ricorso amministrativo poteva essere presentato contro le decisioni degli organi statutari. Secondo quanto accertato, inoltre, le regole del codice avevano un preciso apparato sanzionatorio e le violazioni erano punite con ritardi nella progressione in carriera o esclusioni da ogni valutazione oggettiva del proprio curriculum scientifico.

1 Commento su "Inchiesta ‘Università bandita’: indagati anche professori della ‘d’Annunzio’"

  1. Quando si vorrà intervenire cosa è successo in questi ultimi 20 anni si ritorni a gestire i concorsi e l’amministrazione dal Ministero ( almeno fa le patente solo uno ) e i Rettori gestiscano l’autonomia d’insegnamento….altro è pericoloso…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*