Pescara, la salute della Terra alla Mazzini

Scuola e scienza insieme per la salute della Terra: alla Mazzini di Pescara incontro con i fratelli Mazzucato, i missionari che da anni vivono a contatto con i Pigmei.

Da decenni vivono nelle foreste equatoriali dell’Ituri, nella Repubblica Democratica del Congo, accanto ai Pigmei. Padre Antonio e Benito Mazzuccato, profondamente impegnati nel difendere la sopravvivenza fisica e culturale di questa popolazione, sono arrivati oggi alla scuola Mazzini di Pescara per raccontare la loro esperienza ai giovani studenti. L’iniziativa è frutto della sinergia tra la scuola e le associazioni Scienza under18 Miladonnambiente.

“Quella dei fratelli Mazzuccato – dicono gli organizzatori dell’incontro – è una scelta di vita eccezionale, una testimonianza unica e diretta sulla realtà esistente oggi, nel cuore dell’Africa, in un angolo di mondo strategico per le risorse minerarie e forestali che contiene. Ai ragazzi vorremmo trasmettere il valore dell’interdipendenza fra i nostri comportamenti – ecologicamente irresponsabili – e le conseguenze dirette sul “corpo” della Terra e sul “corpo” degli umani che ancora riescono a vivere una cultura rispettosa degli equilibri naturali. Vorremmo motivarli interiormente e renderli consapevoli della necessità di un cambiamento “sostenibile” del nostro modello di vita, da quello alimentare a quello consumistico, strumenti utili anche per difendere i Pigmei, le foreste pluviali e le popolazioni che sanno ancora rispettare la Madre Terra”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Pescara, la salute della Terra alla Mazzini"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*