Nell’aula del consiglio a L’Aquila niente crocifisso

Il crocifisso non verrà appeso nell’aula del Consiglio comunale dell’Aquila: oggi è stato definitivamente bocciato, con 15 voti contrari a 10 favorevoli, l’ordine del giorno del consigliere di Forza Italia Roberto Tinari che ne chiedeva il ‘ricollocamento’.

Oggi è stato definitivamente bocciato, con 15 voti contrari a 10 favorevoli, l’ordine del giorno del consigliere di Forza Italia Roberto Tinari che proponeva di riposizionare il simbolo cristiano sulla base di una sentenza del 2011 della Corte europea dei diritti dell’uomo. Si è trattato del secondo tentativo di approvazione dell’istanza. A dicembre un gruppo civico chiamato ‘Difendiamolaq’, composto da giovani consiglieri di circoscrizione ed esponenti delle associazioni cittadine di centrodestra, aveva raccolto 829 firme a sostegno della mozione. ‘Questi sono valori non barattabili, bisogna pensarla sempre allo stesso modo, non secondo le stagioni e la convenienza – sbotta Tinari – Taluni consiglieri vanno dietro le processioni, vanno in chiesa, ma poi non fanno i fatti’. Nell’attuale aula consiliare, una ex palestra in località Villa Gioia, aperta dal 30 aprile 2013, il crocifisso non ha mai fatto il suo…ingresso.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

1 Commento su "Nell’aula del consiglio a L’Aquila niente crocifisso"

  1. .. mi dispiace sinceramente!.. questa è solo la triste deriva di un laicismo ottuso e modaiolo!..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*