Inchiesta sull’artigiano deceduto al Mazzini di Teramo

ospedale-teramo-laboratorio-sequestrato-asl-300x200

Sulla morte di Andrea Rogani, il 55 enne di Civitanova Marche morto ad una settimana da un’operazione all’aorta al ‘Mazzini’ di Teramo, aperta un’inchiesta con tre medici indagati per omicidio colposo.

Un atto dovuto quello del pm Luca Sciarretta, titolare del fascicolo, per permettere ai tre medici di nominare dei propri consulenti che questo pomeriggio hanno partecipato all’autopsia effettuata sul corpo di Rogani. Autopsia che, a quanto si apprende, non avrebbe chiarito le cause del decesso. Rogani, 55 anni, artigiano di Civitanova Marche, era stato operato a fine gennaio all’ospedale Mazzini per un problema all’aorta. L’operazione era andata bene, così come il decorso post operatorio: il primo febbraio, però, aveva accusato un malore. L’uomo morì subito dopo il suo arrivo al pronto soccorso della sua città. Una morte improvvisa che ha spinto i familiari a presentare un esposto in Procura, con il fascicolo finito inizialmente sul tavolo della Procura di Macerata e successivamente, per competenza, su quello della Procura di Teramo.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Inchiesta sull’artigiano deceduto al Mazzini di Teramo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*