Processo ‘Commissione Grandi Rischi’ in Cassazione

Foto LaPresse/Manuel Romano 22-10-2012 L'Aquila, Italia Cronaca Processo Grandi Rischi, dopo trenta udienze si giunge al giudizio Nella foto: giudice unico Marco Billi legge la sentenza Photo LaPresse/Manuel Romano 22-10-2012 L'Aquila, Italy news Major Risks process, after thirty hearings will take you to the judgment In the photo: Marco Billi single judge reads the judgment

Terzo grado di giudizio per la ‘Commissione Grandi Rischi’: domani al via il processo che vede imputati 7 scienziati per omicidio colposo.

Domani al via in Cassazione il processo per omicidio colposo e lesioni che vede imputati i 7 scienziati componenti la Commissione Grandi Rischi, organo scientifico consultivo della Presidenza del Consiglio, accusati di ‘aver dato rassicurazioni infondate alla popolazione de L’Aquila alla vigilia del terremoto che, il 6 aprile 2009, causò la morte di 309 persone’. La quarta sezione penale della Cassazione, presieduta da Fausto Izzo, è chiamata a  decidere se accogliere o meno i ricorsi presentati contro la sentenza d’appello emessa dai giudici de L’Aquila il 10 novembre del 2014: la Corte d’appello, ribaltando il verdetto del tribunale, sentenziò l’assoluzione per 6 dei 7 componenti della Commissione, condannando a due anni di reclusione soltanto Bernardo De Bernardinis, ex vicecapo del settore tecnico del Dipartimento della Protezione civile. In primo grado, invece, tutti e 7 gli imputati erano stati condannati a 6 anni.

Il processo: clicca qui per gli aggiornamenti

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Processo ‘Commissione Grandi Rischi’ in Cassazione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*