Pescara: “Li(be)ri in piedi” contro l’abusivismo

“Li(be)ri in piedi”, l’iniziativa organizzata da Marco Forconi, in piazza Alessandrini a Pescara per dire no all’abusivismo.

Per la seconda volta in 7 giorni si è ripetuta la protesta silenziosa di “Lib(e)ri in piedi”, “movimento apolitico sorto spontaneamente contro l’illegalità e, in particolare, contro l’abusivismo del mercato della stazione ferroviaria di Pescara”, precisa Forconi. “Rispetto alla tappa di Piazza Salotto, non sono state riscontrate contestazioni, con una piccola crescita in termini numerici.”

Una quarantina i partecipanti alla protesta silenziosa in piazza Alessandrini, in piedi e con libri aperti in mano.

“Nel frattempo, l’agglomerato pseudo-commerciale nell’area di risulta – scrivono i promotori dell’iniziativa in una nota – continua ad operare nella più totale illegalità, con una fruizione addirittura aumentata. Chi alimenta un illecito compie un’infrazione economica, fiscale e morale.”

 

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Pescara: “Li(be)ri in piedi” contro l’abusivismo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*