Zona frentana: NAS scoprono frantoio usato da birrificio

Ispezione nella zona frentana dei NAS. Un frantoio trasformato di fatto in un birrificio, in maniera del tutto abusiva

Per l’attività la Asl ha disposto la sospensione. La birra, circa 300 bottiglie, è stata sottoposta a sequestro sanitario perché preparata con materie prime non rintracciabili e in assenza di un piano di autocontrollo aziendale. Elevate sanzioni per circa 6.000 euro. La struttura non aveva, secondo i NAS, nessuna autorizzazione per condurre l’attività di produzione ed imbottigliamento di birra artigianale, che era stata allestita nei locali del frantoio. La birra, come altri alimenti e bevande sprovvisti di rintracciabilità della filiera, ricordano i NAS, può rivelarsi potenzialmente pericolosa per la salute, e ciò comporta sequestro, distruzione e sanzionatori.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Zona frentana: NAS scoprono frantoio usato da birrificio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*