Vasto: maglia nera per le discariche abusive

discarica-abusiva

A Vasto il primato di avere nel territorio comunale ben due delle 24 discariche abusive, presenti in Abruzzo e finite nella lista nera dell’Unione Europea.

Per questo illecito smaltimento dei rifiuti, il Comune rischia di pagare 200 mila euro di sanzioni all’Europa, che aumentano a cinque milioni annui su scala regionale.

“Non si possono tagliare i servizi sociali e i punti nascita, se poi si pagano sanzioni milionarie all’Europa”, ha dichiarato Daniela Aiuto, eurodeputata del Movimento 5 stelle, durante la presentazione del rapporto sulle ecomafie e sui veleni in Abruzzo, che si è svolta sabato scorso nella sala congressi degli ex palazzi scolastici di corso Italia. “Occorre far presto e bonificare tutte le aree individuate dalla Commissione europea per non continuare a sottrarre importanti risorse ai cittadini”.

A Vasto la raccolta differenziata si attesta attorno al 48% ed è ancora molto lontana dal 65%, soglia imposta dalla legge. A fronte di ciò, ogni cittadino paga mediamente 176 euro annui, vale a dire una somma superiore alla media nazionale.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Vasto: maglia nera per le discariche abusive"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*