Vasto: disabile reclusa in casa, aperta inchiesta

tribunale Vastotribunale Vasto

Vasto: disabile reclusa in casa, aperta inchiesta. Da due anni una donna non può uscire a causa dell’ascensore rotto nel condominio .

Il Sostituto Procuratore della Repubblica del tribunale di Vasto  Enrica Medori ha aperto un fascicolo sulla vicenda sulla vicenda di Enza Armando, la 49enne disabile vastese che da quasi due anni non può uscire di casa perché  l’ascensore del condominio in cui risiede in corso Europa non funziona. L’indagine scaturisce dalla denuncia presentata dall’avvocato della donna, Massimiliano Baccalà. Il Sostituto Procuratore Medori  ha nominato un consulente tecnico d’ufficio per accertare le cause del guasto. Non si esclude l’ipotesi che qualcuno abbia manomesso l’impianto. La relazione del perito servirà a far luce sulla vicenda e ad assumere eventuali provvedimenti. Alcuni alloggi dell’edificio sono di proprietà dell’Ater (l’ente che gestisce le case popolari), che afferma di aver versato interamente le sue quote per il ripristino dell’ascensore, altri sono di proprietà privata.

Sii il primo a commentare su "Vasto: disabile reclusa in casa, aperta inchiesta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*