Teramo: verso l’eliminazione delle barriere architettoniche

La giunta comunale di Teramo ha approvato le linee di indirizzo per la predisposizione del piano di eliminazione delle barriere architettoniche (Peba) che dovrà scaturire da un percorso partecipato con le associazioni di rappresentanza delle persone con disabilità.

L’obiettivo del piano sarà quello di favorire l’accessibilità degli spazi e degli edifici pubblici, e consentirà di consultare on line il sito della città con i luoghi accessibili, mediante l’utilizzo di applicazioni su dispositivi mobili. Il lavoro inizierà con la creazione di un database per la definizione del piano di eliminazione delle barriere architettoniche, che consentirà una prima analisi dei luoghi cittadini e una prima stima dei costi da sostenere.

La predisposizione e la realizzazione del piano saranno affidate a una specifica struttura tecnico-amministrativa che raccoglierà le segnalazioni di situazioni da risolvere e fornirà consulenza e collaborazione ai servizi coinvolti, rendendo disponibile sul sito internet ogni informazione utile.

Il sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, ha sottolineato che “le prescrizioni del PEBA avranno lo scopo di innalzare il livello della qualità edilizia e urbanistica della nostra città, prevenendo ed eliminando le barriere architettoniche e ambientali che limitano o addirittura impediscono il godimento dei diritti della persona disabile, riducendone le opportunità di integrazione sociale, la piena realizzazione e la possibilità di partecipazione alla vita pubblica e privata. La decisione della giunta, pertanto è un fondamentale passo in avanti nella consapevolezza civica della città di Teramo”.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Teramo: verso l’eliminazione delle barriere architettoniche"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*