Teramo, scuola jolly: il Comune ha scelto la D’Alessandro

Brucchi-Por-Fesr- Rete8Brucchi Progetto Por Fesr

Il MUSP a Teramo la scuola jolly nascerà nello davanti alla D’Alessandro per 890 alunni. Inviato i dossier al Governo

Moduli per la sistemazione provvisoria di 890 alunni delle scuole teramane inagibili sono stati chiesti oggi dal sindaco di Teramo Maurizio Brucchi, al Commissario Vasco Errano e al MIUR, attraverso l’Ufficio Speciale della Ricostruzione di Teramo. Si attende ora il concordato finanziamento da parte del Governo. Ad oggi, spiega il Comune – risultano infatti finanziate la ricostruzione con adeguamento sismico della Scuola Elementare San Giuseppe, per 4.100.000 euro, e la Scuola di Villa Ripa, 233.000 euro per ristrutturazione e adeguamento sismico. L’istanza inviata prevede quale sede dell’intervento l’area prospiciente la Scuola Media D’Alessandro, scelta sui seguenti presupposti tecnici: la scuola è già stata sottoposta a verifiche di vulnerabilità sismica; l’area è di proprietà comunale; la destinazione della stessa, nel PRG, è ad “uso scolastico”; è geologicamente idonea all’intervento; è parzialmente dotata di infrastrutture primarie. Dunque è partita a tutti gli effetti la corsa per ottenere i moduli

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Teramo, scuola jolly: il Comune ha scelto la D’Alessandro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*