Teramo: proteste per le virtù rivisitate in tv da una chef aquilana

virtù-teramane

Teramo: le virtù rielaborate in tv da una chef aquilana suscitano le proteste dei Teramani che difendono l’originalità dell’antico piatto della tradizione culinaria.

Protagonista di quello che è stato definito un attentato alle virtù teramane è stata la chef aquilana Nadia Moscardi del ristorante “Elodia”, durante la trasmissione “Geo&Geo” di Rai tre. La rivisitazione della Moscardi, per giunta una chef “straniera”, come è stato detto dai polemizzanti, ha suscitato l’ira dei Teramani per il tradimento del minuzioso disciplinare, depositato anche in Camera di Commercio, che specifica minuziosamente quali ingredienti utilizzare e quali sono le fasi della preparazione del piatto: residui di pasta e legumi invernali, uniti a verdure, erbe e odori della primavera, da cucinare il 1° maggio.

Invece la “zuppa delle virtù”, presentata dalla Moscardi alle telecamere della Rai, per i puristi non ha nulla a che vedere con le virtù teramane: patata turchesa, verdure disidratate, lenticchie di Navelli, cavolo rosa e prosciutto al forno non rientrano infatti nel disciplinare.

Le prime mail di protesta sono già partite da Teramo alla volta della romana via Mazzini.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Teramo: proteste per le virtù rivisitate in tv da una chef aquilana"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*