Teramo: jobs act, “Dimettersi on line è impossibile”

jobs-act

Teramo: “Dimettersi on line è impossibile” è la denuncia del sindacalista Cgil Giampiero Dozzi che si fa portavoce dei tanti lavoratori impossibilitati ad accedere al portale del ministero del lavoro, come previsto dal jobs act.

Le nuove normative, in vigore dal 12 marzo, dovrebbero rappresentare una semplificazione delle pratiche burocratiche, consentendo ai lavoratori di presentare le proprie dimissioni volontarie solo per via telematica, ma il portale del ministero è in tilt e molti sono impossibilitati a dimettersi, continuando a lavorare nelle aziende per le quali prestano servizio, senza dunque poter accogliere proposte di lavoro migliorative o semplicemente abbandonare un luogo di lavoro ritenuto insalubre.

“Così i lavoratori restano ostaggio di un sistema che non funziona”, ha dichiarato Giampiero Dozzi della Cgil teramana che, rincarando la dose, ha aggiunto: “A rimetterci sono sempre i lavoratori”.

Il portale del ministero del lavoro sembra essere paralizzato a livello nazionale e la denuncia era già arrivata nei giorni scorsi dalla segretaria nazionale della Cgil, Susanna Camusso.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Teramo: jobs act, “Dimettersi on line è impossibile”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*