Teramo, furti nei negozi: arrestate rom pescaresi

Avevano messo a segno furti nei negozi a Isola del Gran Sasso e Teramo. Arrestate due rom pescaresi che si trovavano a Tivoli.

Un bottino complessivo di circa 25mila euro, tra oggetti preziosi, generi alimentari, merceria e perfino chili di frutta. E’ stato quello raggranellato in almeno sette furti messi a segno in altrettanti negozi del centro cittadino di Teramo e a Isola del Gran Sasso, che vengono addebitati a due donne pescaresi di etnia rom di 55 e 30 anni, rintracciate e arrestate ieri a Tivoli dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Teramo. La tecnica era sempre la stessa: dopo aver distratto i titolari, portavano via portafogli, borse e marsupi da cui trafugavano denaro contante e tessere bancomat. In una gioielleria avevano rubato un intero rotolo di oggetti corallo. Tra l’altro su una delle due donne pendeva un ordine di carcerazione della Procura di Avezzano, e doveva scontare sette anni di carcere per cumulo di pena per furti avvenuti ad Atessa, Arcevia (Ancona) e Aielli, a conferma che si tratta di ladre seriali.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Teramo, furti nei negozi: arrestate rom pescaresi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*