Targhe alterne a Pescara, oggi largo alle dispari

puzza-mascherina-inquinamento-ev

Targhe alterne a Pescara, oggi largo alle dispari. La lotteria riserva la vittoria alle targhe con finale dispari, ferme le pari e quelle con finale zero. Grazie al vento e – forse – anche ai limiti alle auto, è migliorata la qualità dell’aria.

Pescara, Anno Domini 2016 (quello delle targhe alterne). Ammesso che prendere l’auto per andare a lavorare possa considerarsi una conquista per cui gioire, oggi la vittoria alla lotteria del pari e dispari è riservata al secondo, ossia alle autovetture la cui targa abbia l’ultimo numero dispari. A casa o in garage tutte le altre, finale pari e zero. Intanto ieri il sito dell’Arta testimoniava il miglioramento della qualità dell’aria, aprendo tuttavia un interrogativo essenziale per capire se e quanto durerà l’astinenza da traffico. Come dire: è nato prima l’uovo o la gallina? Applicando il celebre quesito filosofico-popolare alla questione delle targhe alterne, scopriamo che nessuno sembra in grado di fornire risposte certe. Sono le targhe alterne ad aver migliorato la qualità dell’aria o è il vento ad aver soffiato sulle micropolveri come un gigante sulle candeline di una torta per lillipuziani? Noi non siamo in grado di dirlo, al contrario della solida coppia sindaco-vicesindaco, che all’unisono rivendica una sorta di compartecipazione ai generosi polmoni di Eolo, anzi di Libeccio. E’ probabile che il vento che ha scosso impetuosamente mari e monti, spirando anche su Pescara, l’abbia un po’ ripulita dal Pm10 ferma-traffico, ma non è da escludere che pure la circolazione ridotta del compulsivo parco macchine cittadino abbia contribuito. Intanto a sospirare di sollievo è anche la politica: la questione targhe alterne aveva diviso il Pd dall’interno, al punto che l’ultima direzione provinciale del partito si era conclusa con un invito all’unità e una reprimenda ai protagonismi. Insomma tutti per uno –  sindaco-vicesindaco – uno per tutti, automobilisti appiedati compresi, e sempre con un occhio vigile all’orizzonte: la speranza è che il vento dell’est spiri ancora e permetta di cacciare definitivamente micropolveri e maximalumori. Perché, pensando a Ricky Gianco e alla sua vecchia canzone, “quando il vento dell’est si fermerà e la neve verrà a posarsi su noi…” noi – non avendo di meglio da fare – risaliremo in macchina respirando a pieni polmoni, ricordandoci che il libeccio invece arriva da sud-ovest.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Targhe alterne a Pescara, oggi largo alle dispari"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*