Tangenti Marsica, sequestri di beni a politici e tecnici

Bloccati titoli e conti correnti e sigilli ai beni. Il provvedimento dei magistrati che indagano sulle presunte tangenti in Marsica.

Continua l’escalation dell’inchiesta della Procura di Avezzano sul giro di presunte tangenti legate agli appalti di alcuni comuni marsicani, in particolare per il servizio di illuminazione pubblica. Provvedimenti cautelari sui beni degli indagati, su richiesta dei pm marsicani, sono stati firmati dal Gip Francesca Proietti, per disporre i sequestri preventivi di beni immobili, conti correnti, titoli e preziosi per un ammontare complessivo che supera i 500mila euro. Si tratta, secondo la ricostruzione accusatoria, del provento dei reati contro la pubblica amministrazione che vengono contestati agli indagati.

Il sequestro più consistente è quello nei confronti dei beni del consigliere comunale di Avezzano Mariano Santomaggio e del commercialista Danilo Paolini (165mila euro), mentre tra quelli di minore importo ce n’è uno di 2000 euro nei confronti dei beni strettamente personali del deputato Filippo Piccone (indagato nelle vesti amministratore comunale di Celano), che non può subire sequestri di beni legati all’attività parlamentare. Assieme a politici, funzionari, professionisti e imprenditori, sono destinatari dei sequestri anche gli indagati nel filone dei presunti prestiti usurai all’imprenditore Angelo Capogna, “gola profonda” dell’inchiesta.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Tangenti Marsica, sequestri di beni a politici e tecnici"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*