Sulmona: patrocinio gratuito, condannata per reddito alto

giudicegiudice

A Sulmona la vicenda di una donna condannata da un giudice per falso: aveva chiesto un patrocinio legale gratuito, ma superava il reddito di poche centinaia di euro.

Il patrocinio era stato richiesto dalla donna per difendere la figlia minore, indagata in un procedimento penale, ma dai controlli effettuati dalla procura è emerso che il suo reddito era di poche centinaia di euro superiore al limite fissato per poter ottenere il beneficio: per questo il giudice l’ha condannata per falso.

Ora la donna, che aveva chiesto il patrocinio per risparmiare circa mille euro pari al costo della parcella di un avvocato di fiducia, ne dovrà pagare 48 mila 918, come stabilito dal giudice del tribunale di L’Aquila che ha commutato la pena detentiva di 12 mesi di reclusione in pena pecuniaria.

La Sulmonese ha già annunciato di voler fare ricorso al decreto penale, ritenendo la condanna “esagerata e fuori da ogni logica”.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Sulmona: patrocinio gratuito, condannata per reddito alto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*