La seconda donna morta a Sulmona non aveva la suina

influenza- suinainfluenza- suina

Non è stata la stessa causa che ha determinato il decesso della sorella: la seconda donna morta a Sulmona non aveva il virus della suina.

Lo ha accertato l’autopsia eseguita dei medici legali all’ospedale Umberto I di Roma, dove la donna era ricoverata. Il decesso della cinquantenne, sorella della prima donna di Badia di Sulmona morta per l’influenza suina, è da attribuire ad un ascesso polmonare di natura batterica, dunque non ad una patologia virale come la H1N1. Il fatto che questo secondo decesso nella stessa famiglia fosse avvenuto a due settimane di distanza dal primo e che anche il marito della donna si fosse ammalato aveva fatto temere la diffusione del virus, che invece oggi risulta circoscritto unicamente alla prima vittima. Il marito, che ora sta meglio, ha contratto una semplice infezione alle vie aeree superiori ed è tuttora ricoverato all’ospedale di L’Aquila. Resta accertato invece che la morte della prima donna sia stata dovuta alla micidiale influenza suina, il virus H1 N1.

 

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "La seconda donna morta a Sulmona non aveva la suina"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*