Strade provinciali Teramo: due trasferite ad ANAS

Tavolo tecnico al MIT per le strade provinciali di Teramo: due saranno trasferite ad ANAS.

L’incontro si è svolto per esaminare le richieste avanzate dalla Provincia di Teramo in relazione alla proposta di revisione della rete stradale di interesse nazionale.
Il presidente della Regione Luciano D’Alfonso e il presidente della Provincia di Teramo Renzo Di Sabatino hanno sostenuto la necessità di una integrazione del Piano di cessione delle strade provinciali all’Anas, inserendo due arterie del Teramano: la SP 259 della Vibrata, che collega S. Egidio alla SS 16 Adriatica, e la SP 553 dal bivio di Notaresco-Atri-Silvi che si riallaccia alla SS 80. Si tratta di due inserimenti importanti che vanno a completare lo straordinario risultato ottenuto la scorsa estate, e che porta la lunghezza complessiva delle strade abruzzesi interessate dal passaggio ad oltre 500 km, con risparmi notevoli per le casse pubbliche.
Nel corso dell’incontro D’Alfonso ha tenuto a rilevare come altre due strade entro il 2018 debbano essere trasferite ad Anas: per prima la Villalago-Scanno-Barrea, quindi la Fossacesia-Lanciano.

“Circa 60 chilometri di strade che non peseranno più sul bilancio della Provincia, ha spiegato Di Sabatino,  la 553, in particolare,  per noi rappresenta da tempo una voce di spesa molto significativa non solo per i 41 chilometri di manutenzione ma perchè si tratta di una strada di versante che attraversa colline con problemi di dissesto. Una strada che ha bisogno di interventi importanti. Sono rammaricato per la 365, la provinciale che attraversa buona parte della vallata del Fino, che pure avevamo indicato nelle priorità”. In un prossimo futuro, alla Provincia, sarà assegnato un tratto declassificato della statale 80: da Teramo a Mosciano.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Strade provinciali Teramo: due trasferite ad ANAS"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*