Startup Ud’A: prestigiosa collaborazione per l’IA

L’intelligenza artificiale scommette su industria e sanità, con la collaborazione tra Konica Minolta e Next2U, startup dell’Ud’A.

Sviluppare nuove tecnologie basate sull’intelligenza artificiale per rendere più efficiente la sanità e per ridurre il rischio di infortuni nell’industria 4.0: è questo l’obiettivo della nuova collaborazione tutta italiana fra il laboratorio di ricerca di Roma di Konica Minolta Laboratory Europe (divisione della multinazionale giapponese Konica Minolta che si occupa della ricerca di nuove tecnologie) e Next2U srl (spin-off dell’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara). A ufficializzare l’accordo è una nota congiunta, in cui si sottolinea come “queste tecnologie andranno a migliorare la sicurezza e la produttività nei luoghi di lavoro e di cura, affiancando (e non sostituendo) lavoratori, medici e operatori sanitari nelle loro mansioni e adattando automaticamente i flussi e i carichi di lavoro in base ai livelli di stress, stanchezza o di potenziale pericolo in cui si trovano”. Il partenariato prevede “una durata iniziale di un anno, estendibile ulteriormente fino alla fine delle attività pianificate”. In particolare, il laboratorio di Roma di Konica Minolta porterà nella partnership la propria esperienza in algoritmi e soluzioni per il riconoscimento delle attività umane, mentre Next2U porterà le proprie competenze tecnologiche nel campo della valutazione dello stato psicofisico delle persone. Inoltre, Konica Minolta fornirà soluzioni di ingegneria di sistema (la piattaforma su cui verranno installati gli algoritmi) e tecniche di accelerazione per gli algoritmi di intelligenza artificiale. Nel corso del 2020, le due società integreranno le loro competenze tecnologiche in una piattaforma prototipale all-in-one di proprietà condivisa.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Startup Ud’A: prestigiosa collaborazione per l’IA"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*