Sevel: da Atessa 52 mila pezzi per il Messico

sevel

Partiranno dalla Sevel di Atessa alla volta del Messico 52 mila pezzi per la produzione del Ducato. L’incremento, dai 32 mila dello scorso anno agli attuali 52 mila, consentirà alla fabbrica della val di Sangro di assumere 35 nuovi dipendenti con contratto part-time e l’inserimento di altri tre turni lavorativi per manutentori rispetto ai 18 in essere.

I pezzi prodotti nello stabilimento di Atessa sbarcheranno in sud America nello stabilimento Chrysler di Saltillo a Coahuilla, in Messico, dove viene prodotta la versione americanizzata del Ducato.

I 35 nuovi part-time a 32 ore lavorative si aggiungeranno agli attuali 50 con contratto a scadenza a fine giugno, per i quali si potrebbe prevedere una proroga del periodo lavorativo, in vista dell’incremento della forza produttiva, come richiesto dal Saltillo. Inoltre i 18 turni lavorativi attuali passeranno a 21, il che significa che il ciclo produttivo sarà coperto sette giorni su sette, notte compresa. Già dai prossimi giorni la fabbrica di Atessa si metterà alla ricerca di nuovi manutentori tra periti industriali, meccanici ed elettrici con pregresse esperienze lavorative, da inserire nelle catene di montaggio. Con la speranza che, ultimato il periodo di formazione, i nuovi arrivati possano essere stabilizzati.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Sevel: da Atessa 52 mila pezzi per il Messico"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*