Sanità Abruzzo, CGIL: ora meno tasse ai redditi più bassi

cgil11

Sanità Abruzzo: La CGIL soddisfatta dell’uscita dal commissariamento. Ma ora va ripreso il confronto per abbassare le tasse ai meno abbienti e sciogliere i nodi irrisolti

In una nota a firma di Carmine Ranieri della segreteria regionale, la CGIL Abruzzo parla di “un risultato positivo che consentirà alla nostra regione di riprendere la propria autonomia in materia di programmazione sanitaria”.

Oltre che dal commissariamento -dice la CGIL- la Regione dovrà finalmente uscire anche dalla “politica dei due tempi”, attuata da ormai un decennio, in base alla quale nella prima fase si operano i tagli e le razionalizzazioni e solo in seconda battuta, che però non vede mai la luce, si agisce con nuovi investimenti su quei servizi sanitari che sono assolutamente carenti e che se implementati porterebbero a un reale miglioramento della qualità della sanità abruzzese. In particolare la Regione dovrà trovare le risorse per attuare, questa volta davvero, investimenti che consentano di abbattere le enormi liste di attesa (acquisto di nuove attrezzature e tecnologie avanzate, incremento di personale per consentire il pieno utilizzo dei macchinari), potenziare la rete di emergenza urgenza, riorganizzare la rete dei servizi territoriali, migliorare la prevenzione.
Tra l’altro, se i paventati tagli al finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale (da attuare con la legge di stabilità nazionale 2017) diventeranno effettivi, la possibilità di una seria riorganizzazione della sanità regionale verrebbe seriamente compromessa.

E’ per questi motivi che la Cgil Abruzzo condivide la posizione espressa dall’assessore Paolucci di procedere con una riduzione dell’addizionale regionale Irpef che vada ad incidere positivamente sulle fasce di reddito più basse. Altri spazi di manovra, come la riduzione dell’Irap, secondo la CGIL al momento non sono possibili.

Nello specifico delle politiche sanitarie – prosegue la CGIL- “Un’efficace riorganizzazione non può consistere di soli tagli, al contrario la razionalizzazione delle rete ospedaliera dovrà trovare una compensazione e una migliore offerta della rete territoriale. Il sindacato dunque ritiene urgente che l’assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, riprenda immediatamente il confronto sindacale perché la nuova fase dovrà essere l’occasione per cominciare a sciogliere i nodi ancora irrisolti della sanità abruzzese”.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Sanità Abruzzo, CGIL: ora meno tasse ai redditi più bassi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*