Rigopiano: la Regione si costituisce parte civile

La Regione Abruzzo parte civile nel processo per la tragedia di Rigopiano: lo ha deliberato la Giunta riunita questo pomeriggio, a Pescara.

Su proposta del presidente, Marco Marsilio, l’esecutivo ha deliberato il conferimento di due distinti mandati al professor Nicola Pisani in relazione ai procedimenti giudiziari relativi alla vicenda di Rigopiano, nell’ambito della quale sono indagati alcuni dirigenti regionali. Il primo mandato è relativo alla costituzione di parte civile in nome e per conto della Regione Abruzzo “al fine di ottenere il risarcimento di tutti i danni derivanti all’immagine e al patrimonio dell’ente ed imputabili a quanti il Tribunale dovesse riconoscere responsabili”, si legge in una nota stampa della Giunta regionale. Il secondo è un mandato difensivo a sostegno della Regione Abruzzo nel procedimento penale pendente dinanzi al Tribunale penale di Pescara, nell’ambito del quale l’Amministrazione è citata quale responsabile civile in relazione ai danni conseguenti al crollo dell’hotel Rigopiano Resort e nei giudizi pendenti dinanzi al Tribunale dell’Aquila. Processi innescati dai familiari delle vittime. La costituzione parte civile ha diviso la maggioranza di centrodestra visto che più di un esponente della coalizione avrebbe evitato vista la presenza gara gli indagati di propri indagati.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Rigopiano: la Regione si costituisce parte civile"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*