Ricostruzione sisma Abruzzo, conti bloccati negli uffici speciali

ricostruzione-post-sismaricostruzione-post-sisma

Rischia la paralisi la macchina della ricostruzione dal sisma in Abruzzo: I due uffici speciali prossimi al blocco delle contabilità speciali.

Sono quei conti su cui confluiscono i miliardi di euro per la ricostruzione pubblica e privata nell’Ufficio speciale de L’Aquila e di quello del Cratere. I conti scadranno il prossimo 31 dicembre e non è partito l’iter del rinnovo dal MEF. Inoltre anche il contratto del responsabile dell’Usrc Paolo Esposito è scaduto, e dovranno essere prese decisioni dalla presidenza del Consiglio dei ministri. Corsa contro il tempo, dunque, in quanto mancano circa 15 giorni lavorativi, decorsi i quali i conti chiusi non si potrebbero riattivare in tempi stretti, e lo stanziamento dei fondi resterebbe paralizzato per la ricostruzione pubblica e privata.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Ricostruzione sisma Abruzzo, conti bloccati negli uffici speciali"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*