Ricostruzione chiese, chiesto processo per Fabrizio Magani

Nel chiudere l’inchiesta sulla ricostruzione degli edifici ecclesiastici danneggiati dal sisma, la Procura de L’Aquila chiede il rinvio a giudizio per l’ex capo del Mibact Fabrizio Magani e altri 4 indagati.

Si tratta di un filone di inchiesta della Procura aquilana (pm Antonella Picardi) in cui le accuse ipotizzate a carico dei 5 indagati sono quelle di turbativa d’asta e peculato. L’ex responsabile del Mibact per l’Abruzzo Fabrizio Magani è indagato, assieme a quattro legali di Roma, per la procedura negoziata riguardante l’affidamento del servizio legale di supporto giuridico al Mibact Abruzzo. Si tratta di un servizio di particolare rilievo, in quanto nell’immediato post-sisma fungeva da stazione appaltante per la ricostruzione del patrimoni ecclesiastico. La Procura contesta illegittimità nella procedura, e successivi pagamenti per prestazioni di assistenza legale che in realtà non sarebbero state svolte. Accuse dalle quali gli indagati potranno difendersi nell’udienza preliminare fissata nel prossimo mese di ottobre.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Ricostruzione chiese, chiesto processo per Fabrizio Magani"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*