Progetto Meccanica di Casoli chiude, 23 licenziati

Altro colpo all’indotto Honda. La Progetto Meccanica di Casoli (ex Verlicchi) cessa l’attività. Restano disoccupati 23 lavoratori

Dopo la notizia della chiusura della Cometa, che ha mandato a casa i suoi 39 dipendenti, nuova doccia fredda per l’indotto Honda. Ad annunciare la cessazione dell’attività è la Progetto Meccanica di Casoli. Si tratta di una fabbrica, la ex Verlicchi, che ha come unico cliente proprio la Honda di Piazzano di Atessa e che produceva telai e forcelle per gli scooter Sh25 e 150. La chiusura è  l’epilogo di una lunga crisi e di una aspra vertenza per i 23 lavoratori, sostenuti dalla Fiom Cgil anche con uno sciopero a oltranza, e con la mancata sottoscrizione di ogni accordo tra il sindacato e la proprietà della Mevepa srl.

Il segretario generale della Uilm-Uil Chieti-Pescara, Nicola Manzi, interviene con un appello alla Honda: “La Uilm chiede massima attenzione per i lavoratori di queste aziende  che per decenni hanno contribuito al successo del marchio giapponese. Chiediamo che si sostenga la ripresa dello sviluppo riportando sul territorio lavoro, professionalità e competenze che hanno fatto grande il nome della Honda Italia in Europa e nel mondo”.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Progetto Meccanica di Casoli chiude, 23 licenziati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*