Procura Pescara: “Conti non era indagato per Rigopiano”

Il generale dei carabinieri forestali Guido Conti non era e non sarebbe mai stato indagato per le vicende dell’hotel Rigopiano. Lo ha ufficialmente confermato la Procura di Pescara ai familiari.

Questo nel giorno in cui le indagini si arricchiscono con quanto dichiarato dai 5 dirigenti della Total ascoltati dagli investigatori. L’inchiesta aperta dalla procura di Sulmona per istigazione al suicidio prosegue la strada della ricostruzione degli ultimi giorni di vita dell’ex generale: per questo i 5 dirigenti sono stati attentamente ascoltati, specie in riferimento alle motivazioni addotte da Conti per dimettersi dalla Total. Motivazioni a quanto si apprende messe nero su bianco nella lettera di dimissioni che ha recapitato alla multinazionale nei giorni precedenti al tragico gesto nelle campagne di Pacentro. I rappresentanti della Total ieri hanno partecipato ai funerali che si sono svolti a Sulmona.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Procura Pescara: “Conti non era indagato per Rigopiano”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*