Processo Bussi bis: martedì la sentenza

discarica-bussi1discarica bussi1

Processo Bussi bis: martedì la sentenza. Chiesti 23 milioni e 250 mila euro  di risarcimenti ai cinque imputati .

Processo Bussi bis: martedì la sentenza con rito abbreviato per i cinque imputati accusati del reato di distribuzione di acqua avvelenata. Si tratta degli ex presidente dell’Ato Giorgio D’Ambrosio e dell’ex presidente dell’Aca Bruno Catena, dell’ ex’ direttore generale e dell’ex direttore tecnico dell’Azienda consortile acquedottistica Bartolomeo Di Giovanni e Lorenzo Livello e dell’allora responsabile del servizio Sian della Asl di Pescara Roberto Rongione. Le parti civili hanno chiesto al tribunale di Pescara risarcimenti per oltre 23 milioni di euro per danni alla salute, di immagine e patrimoniali. Il processo denominato Bussi bis è uno stralcio del filone principale legato alla scoperta della maxi discarica dei veleni a Bussi sul Tirino. Il pubblico ministero Anna Rita Mantini ha chiesto al giudice Maria Carla Sacco di derubricare il fatto da doloso a colposo con conseguente intervento della prescrizione.

Articolo recente sul processo:

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Processo Bussi bis: martedì la sentenza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*