Porto di Ortona, Cds respinge ricorso: parte il dragaggio

Anche il Consiglio di Stato ha respinto l’istanza cautelare proposta dalla ditta risultata in una prima fase vincitrice della gara per il dragaggio del porto di Ortona. Confermato dunque l’appalto alla Co.Ed.Mar.

Lo rende noto il Consigliere regionale con delega ai trasporti Camillo D’Alessandro, per il quale “A differenza di ciò che sostenevano i nemici di Ortona e dell’Abruzzo i lavori si faranno e i fondi non sono stati persi, neanche un centesimo, cosa che al contrario sarebbe puntualmente accaduta se avessimo ascoltato coloro i quali dicevano di non procedere entro i termini alla gara. Mi riferisco ai vari Febbo e alla filiera che porta dritto a una parte di opposizione nel consiglio comunale. A breve presenteremo il pacchetto-Ortona, che darà conto degli ulteriori investimenti sullo scalo e sulla città”.

Dopo la decisione del Consiglio di Stato, dovrà seguire la fase amministrativa relativa a tutti gli atti conseguenti l’aggiudicazione, e dunque il progetto esecutivo presentato dalla ditta aggiudicataria. Con le ulteriori risorse che metteremo a disposizione, oltre a quelle già stanziate nel Masterplan, si prevede di arrivare tranquillamente ai 10 metri di pescaggio, che rappresentano la condizione di ingresso per le navi di ultima generazione.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Porto di Ortona, Cds respinge ricorso: parte il dragaggio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*