Pescarese scomparso: morto in Uruguay

pescarese-scomparso-morto-in-uruguay

Era scomparso lo scorso 28 ottobre, il 31enne pescarese, Mario Di Loreto, di cui si erano perse le tracce dall’aeroporto di Madrid. Il giovane è stato trovato morto in Uruguay. La notizia è stata diffusa con un post su facebook dal padre del ragazzo, avvisato dalla polizia locale.

L’ultima a vedere Mario era stata una zia nella capitale spagnola. Il 31enne, che aveva lavorato in Olanda come pizzaiolo, aveva deciso di tornare a Tenerife, dove la sua famiglia lavora.

La morte del ragazzo è ancora avvolta dal mistero. Il papà del giovane si era anche rivolto alla trasmissione “Chi l’ha visto?”, in cerca di notizie utili al ritrovamento del figlio. Poi all’improvviso la scioccante rivelazione del decesso.

Mario aveva contattato il papà Valter a ottobre, esprimendo la volontà di lasciare l’Olanda. Aveva deciso di prendersi una vacanza; si era recato in Perù e aveva contattato la sorella Melissa, dicendole che aveva trovato un lavoro e che per questo non sarebbe tornato in Europa. Poi però era rientrato in Spagna ed era andato a Madrid a casa di una zia, annunciando il suo rientro a Tenerife. Era il 28 ottobre e a Tenerife Mario non sarebbe mai arrivato.

La polizia uruguayana l’ha trovato morto, in un mistero tutto da chiarire. Sul caso stanno indagando le autorità sudamericane.

AGGIORNAMENTO: POLIZIA PARLA DI SUICIDIO – CLICCA QUI

 

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Pescarese scomparso: morto in Uruguay"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*